Quinoa l’Oro degli Aztechi sulle nostre tavole

Scritto da

La coltivazione della Quinoa è riconducibile, secondo studi approfonditi su tale alimento, fin da tempi antichi circa 7.000 anni fà. Conosciuta infatti anche con il nome di “Oro degli Aztechi” veniva  consumata dagli stessi e dagli Inca, Maya e altre civiltà antiche di centro e sud America.

Comunemente classificata come cereale, la Quinoa apparterrebbe in realtà alla famiglia delle barbabietole e degli spinaci, ma vine venduta sul mercato come cereale in quanto pianta erbacea facente parte della famiglia delle Chenopodiacee che è in grado di produrre una farina ricca di amido.

Non solo un alimento antico

Battezzata dall’ONU come pianta del 2013, questo alimento è ricco di elementi e proprietà benefiche per il nostro organismo. Essendo priva di amido può essere infatti consumata anche da celiaci o intolleranti agli amidacei. La Quinoa non è coltivabile in Europa ma è comunque facile, ai tempi nostri, trovare questo pseudocereale sul mercato.

Vediamo dunque quali benefici porta l’uso di questo seme antico che ha superato anche l’inquisizione alimentare afflitta dai conquistadores ai popoli Andini per distruggerne la loro cultura vietandone l’uso alimentare e l’utilizzo in tutte le sue forme.

Quinoa alimento ricco di vitamine

Ricca di proteine come l’Amaranto ed il grano saraceno, la Quinoa è consigliata anche a coloro che seguono l’alimentazione Vegana che esclude l’uso di tutte le proteine animali.

E’ un ottima fonte di fibre, ideale per i celiaci, visto il loro scarso apporto di fibre dovuto all impossibilità di consumare alimenti amidacei e graminacei.

Inoltre rispetto ad i cereali la Quinoa come gli altri pseudocereali è ricca di ferro, calcio e magnesio, vitamina B1 e vitamina E, fondamentali per un sano e corretto funzionamento fisiologico. La Quinoa quindi rientra in quel gruppo di alimenti utili per godere di ottima salute e seguire una giusta alimentazione sana e consapevole.

Parole chiave collegate:
· · ·
Categorie del Post:
Alimentazione · Salute · Vegan